• Ortodonzia
  • Lo studio
  • Visita
  • Contatto
  • Domande e risposte

Quali sono i benefici dei trattamenti ortodontici?

 

I trattamenti ortodontici hanno sia indicazioni funzionali sia estetiche. Un posizionamento corretto delle mascelle e una buona posizione dei denti, con una dentatura corrispondente, sono una condizione necessaria per un’ottima funzione di masticazione, deglutizione, fonazione e della chiusura corretta della bocca, oltre che di respirazione. Dei bei denti e una loro buona posizione ci permettono di ridere spensieratamente ed elevano l’autostima.  Top

Quando dovrebbero essere fatti i primi esami dei bambini?

 

Si consiglia di far controllare i vostri bambini per un primo trattamento ortodontico circa all’età di 6-8 anni. Molti problemi ortodontici nei bambini possono essere corretti meglio e più facilmente prima che la crescita della mascella sia rallentata. Un inizio precoce del trattamento può evitare delle misure d’intervento più complicate. Certi trattamenti richiedono molto tempo e soprattutto una sufficiente crescita della mascella. In caso di un inizio tardivo di trattamento, i problemi non possono essere risolti ottimamente, o solo in combinazione con interventi di chirurgia orale.  Top

Anche gli adulti possono sottoporsi a un trattamento ortodontico?  

Non è mai troppo tardi per un trattamento ortodontico negli adulti. Ci sono pazienti in età pensionabile che si sottopongono a un trattamento ortodontico. In particolare negli adulti c’è la possibilità del trattamento invisibile o appena visibile, come la tecnica linguale o l’aligner. Problemi ortodontici, riferiti alla posizione dei denti, possono essere corretti altrettanto bene sia negli adulti che nei bambini. Dei fattori complicanti, come l’assenza di crescita mascellare, richiedono eventualmente una pianificazione speciale di trattamento. Un’assenza di crescita mascellare negli adulti, un’atrofia gengivale e un’atrofia ossea del parodonto (affezioni parodontali) come pure i denti usurati, danneggiati e mancanti possono richiedere alcuni adattamenti del tipo di trattamento e del risultato di trattamento.  Top

Io come adolescente o adulto devo sempre portare gli «apparecchi»?

 

Oggi ci sono diverse possibilità di trattamento invisibile o appena visibile. Questi comprendono per esempio la tecnica linguale, dove le graffe sono aderite sul lato interno dei denti, e l’aligner, ferule plastiche, o i brackets trasparenti, cioè di colore dentale.  Top

Quanto durano i trattamenti ortodontici?

 

La durata di ogni trattamento varia da caso a caso. Le correzioni più semplici della posizione dei denti possono essere completate da 6 a 12 mesi. I casi ortodontici più complessi, per esempio con l’utilizzazione di diversi apparecchi ortodontici, possono richiedere alcuni anni. I trattamenti durano spesso da 2 a 3 anni.  Top

Un trattamento ortodontico è doloroso?

 

I trattamenti ortodontici sono, in odontoiatria, fra i trattamenti meno dolorosi e sono minimamente invasivi. In regola, la tensione sugli apparecchi ortodontici generata dai trattamenti ortodontici è, all’inizio, sentita come scomoda.  Top

Chi sostiene i costi di un trattamento ortodontico?

 

La questione dei costi deve essere chiarita separatamente prima dell’inizio del trattamento per ogni singolo caso. Non si posso dare delle informazioni generali. L’assicurazione malattia (LAMal) sostiene, in linea generale, solamente pochissimi trattamenti ortodontici. Ci sono assicurazioni complementari private che offrono delle coperture limitate, soprattutto se non ci sono delle affezioni preesistenti o se i bambini sono stati assicurati al di sotto di una certa età. I casi gravi sono sostenuti dall’assicurazione per l’invalidità (AI), ma soltanto fino all’età di 20 anni del paziente. Anche qui, si deve sempre fare una valutazione per ogni singolo caso.  Top

Che cosa succede alla fine di un trattamento ortodontico?

 

La cosiddetta ritenzione è effettuata alla fine di ogni trattamento ortodontico. La ritenzione è un periodo di stabilizzazione, durante il quale i denti sono mantenuti nella loro nuova posizione. Questo è effettuato con gli apparecchi ortodontici come il retainer sul lato interno dei denti o delle placche. Il periodo di ritenzione può variare di durata. Oggi, la tendenza pratico-scientifica propende verso lunghi periodi di ritenzione.  Top